Per ricostruire Città della Scienza…

Per ricostruire insieme Città della Scienza a Bagnoli (Napoli), distrutta da un incendio il 4 Maggio scorso, per salvare occupazione, ricerca, cultura e sviluppo dell’Italia, e non solo del Mezzogiorno.

Ricostruiamo Città della Scienza

Creative Commons License
This work by Francesco Ficetola is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.
Based on a work at www.francescoficetola.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.francescoficetola.it/2013/05/04/per-ricostruire-citta-della-scienza/.

CodeMotion 2013 a Roma: i giorni 22 e 23 Marzo

Codemotion2013

Programmare è un’arte. Sbaglia chi pensa che sviluppare software sia un’attività meccanica, sempre uguale, senza stimoli o fantasia. Noi ci mettiamo testa ma soprattutto cuore.

Anche quest’anno, non posso che consigliarvi l’appuntamento al CodeMotion all’Università Roma Tre, incontro ormai abituale per chi è appassionato di tecnologie di IT, che si terrà il 22 e il 23 Marzo prossimo.

In realtà l’evento dura più di due giorni (dal 20 Marzo al 23), perché si terranno anche dei workshop interessanti (peccato che capitino durante la settimana!).

Iscrivetevi all’evento qui: http://rome.codemotionworld.com/evento/conferenza/

PROGRAMMA: 

[NO-SQL] Appunti su analisi di performance e comparazione dei database NoSQL

Continuando la trattazione dell’argomento dei Database No-SQL, viste le impressioni e segnalazioni via email dei visitatori di questo blog, condivido un pò di appunti in un documento che potete scaricare qui di seguito:

Database NoSQL-Comparazione tecnologie

Il documento raccoglie le considerazioni e le valutazioni oggettive emerse durante la lettura di articoli e documentazioni online sull’argomento dei DB No-SQL. Nello specifico, l’oggetto di studio è stato MongoDB, confrontandolo con altre soluzioni (relazionali e non) e, in particolare, è stata approfondito il suo possibile utilizzo per la gestione di una struttura a grafo.

NoSQL Model

Ecco l’indice dei paragrafi del documento, sperando vi possa essere utile per spunti o per far nascere riflessioni/discussioni sull’argomento:

  1. I database NoSQL
    1. Perché NoSQL? Il teorema di CAP e il No-SQL data model
    2. Un confronto tra le famiglie di DB NoSQL
    3. I database document-oriented e graph-oriented
  2. Breve introduzione su MongoDB
    1. Principali caratteristiche di MongoDB
    2. Comparazione tra MongoDB e MySQL
    3. Ambiti di utilizzo e realizzazione dei direct graph con MongoDB
    4. Soluzioni ibride: MongoDB + database a grafo + RDF triple store
    5. Analisi delle prestazioni di MongoDB all’aumentare dei documenti memorizzati
  3. Confronto tra le performance di MongoDB e di altri database NoSQL
    1. Confronto MongoDB con vari database NoSQL
    2. Confronto HBase e MongoDB
  4. Analisi di performance dei Graph Database
    1. Elenco e caratteristiche di varie implementazioni di Graph Database
    2. Analisi e confronto delle performance di varie implementazioni di Graph Database
    3. Scalabilità
Database NoSQL-Comparazione tecnologie
Titolo: Database NoSQL-Comparazione tecnologie (0 click)
Etichetta:
Filename: database-nosql-comparazione-tecnologie.pdf
Dimensione: 770 kB

Google Developer Group (GDG) Lazio-Abruzzo

Propongo agli sviluppatori particolarmente spinti verso l’innovazione tecnologica, questa interessante iniziativa:

Google Developer Group (GDG) Lazio-Abruzzo – Idee e tecniche per sviluppatori interessati a tecnologie innovative

Google-Developers

Cosa significa GDG L-Ab?
gdg-labGoogle Developers Group Lazio Abruzzo. In pratica persone a Roma e dintorni che fabbricano software e si inventano applicazioni Web e Mobile (non solo Google) … e che si divertono a farlo.Gente che cerca innovazione per creare ulteriore innovazione, non solo tecnologica, ma anche sociale.I GDG sono in tutta Italia e nel Mondo, sono indipendenti e liberi ma aiutati e coordinati da
Google.

Ecco i siti di riferimento:

Creative Commons License
This work by Francesco Ficetola is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.
Based on a work at www.francescoficetola.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.francescoficetola.it/2013/01/24/google-developer-group-gdg-lazio-abruzzo/.

[21 Novembre 2012] Big Data Forum 2012 a Roma

Big Data Forum 2012

Per fare chiarezza sul fenomeno dell’esplosione dei dati e scoprire le soluzioni ICT che consentono di trasformarlo in vantaggio competitivo

21 NOVEMBRE 2012 – ROMA

Ore 9.30 – Centro Congressi Roma Eventi – Piazza della Pilotta, 4 – Roma

  • Quali sono le opportunità ed i benefici derivanti dall’utilizzo di soluzioni ICT per la gestione dei Big Data?
  • Qual è l’impatto sulla competitività dell’impresa?
  • Come gestire ed analizzare dati destrutturati derivanti da fonti esterne (siti Web, social media, ecc.)?
  • In quali settori si stanno diffondendo maggiormente tali soluzioni?
  • A supporto di quali attività dell’impresa?
  • Quali sono le soluzioni infrastrutturali che abilitano la gestione dei Big Data?

Il 21 novembre a Roma si terrà Big Data Forum, un evento nel corso del quale si cercherà di rispondere a queste e altre domande, focalizzandosi sul contributo di alcune soluzioni ICT nel miglioramento dei processi decisionali strategici e operativi.

La capacità di analizzare un’elevata mole di informazioni – spesso non strutturati – può rappresentare per le imprese operanti in alcuni settori una chiara fonte di vantaggio competitivo e di differenziazione.

Questo perché in proporzione all’aumento di nuove tipologie di informazione come i social media e il mondo Internet of Things, caratterizzate da un ciclo di vita molto breve (basti pensare che, secondo alcune stime, il 90% dei dati utilizzati oggi dalle imprese è stato creato negli ultimi 2 anni), aumenta anche l’esigenza di gestirle dal punto di vista della velocità, della varietà e della complessità.

Per far fronte a queste esigenze, le aziende dovranno dotarsi di nuove soluzioni ICT, sia a livello infrastrutturale che applicativo, per gestire e immagazzinare un’ampia quantità di dati e migliorare le proprie capacità di analisi e di previsione.

BIG DATA FORUM, propone un confronto su queste tematiche e su quali siano le migliori soluzioni da adottare per aumentare la competitività dell’impresa.

Il sito con le informazioni sull’evento e per registrarsiICT4Executive

————————————————————————

Vi linko anche all’articolo che spiega bene il fenomeno: Big Data: l’infografica per capire cosa sono e perchè possono cambiare il mondo

L’Italia e i principi fondamentali di Internet: la Rete come strumento di democrazia

Finalmente, anche una Italia propositiva sulla promulgazione della “carta” dei principi fondamentali di Internet. E’ partita dal 18 settembre la Consultazione pubblica a cui vi invito a partecipare. Affrettatevi perché si chiuderà il giorno 1 novembre 2012

Il Ministero per l’Università e la ricerca vuole “arricchire e migliorare il documento che riassume la posizione italiana sui principi fondamentali di Internet” da portare all’Internet Governance Forum (IGF) di Baku. Tutti i cittadini possono contribuire al dibattito sui cinque temi tradizionali del Forum ri-etichettati per l’occasione: principi generali, cittadinanza in rete, consumatori e utenti della rete, produzione e circolazione dei contenuti e sicurezza in rete.

Ecco i link degli articoli tratti da LaRepubblica.it:

Vi allego l’estratto del documento ufficiale del MIUR, che potete scaricare anche da qui:

La posizione italiana sui principi fondamentali di Internet
Continua la lettura

[OpenData&SemanticWeb] Cittadinanza attiva con i Linked Open Data

Grazie al commento all’articolo “[SemanticWeb] DBpedia e il progetto Linked Data” lasciatomi da Michele Barbera (di SpazioDati.eu), sto approfondendo il discorso dei Linked Open Data, e ho letto tre validi e dettagliati riferimenti:

Ho estrapolato alcune informazioni utili per capire l’ambito di applicazione e gli obiettivi del riutilizzo delle informazioni del settore pubblico.

NOTA. I contenuti riportati di seguito vengono elaborati e presentati nel rispetto delle licenze dei riferimenti su citati (nella fattispecie Creative Commons Attribuzione-Non commerciale)

L’obiettivo dei Linked Data è quello di rendere i dati realmente comprensibili ai cittadini tramite applicazioni software sviluppate ad hoc e vedremo cosa vuol dire propriamente questa definizione. Ma è un processo che si attua soltanto se si seguono delle linee guida che permettono alle tecnologie dell’informazione di comprendere i dati e i loro collegamenti, ovvero l’informazione libera deve essere machine readable (che definiremo tecnicamente più avanti) in modo da poter creare una fitta rete di collegamenti e dare un significato al dato stesso (linked data).

 

Da dove nasce? Tutto ha origine dalla dottrina “Open Government” promossa dall’amministrazione Obama (anno 2009), arrivando a coniare la definizione diOpen Government Data, che si sta diffondendo nei paesi industrializzati con l’obiettivo di ottenere l’accesso libero e proattivo ai dati di un ambito specifico: istituzioni politiche e pubblica amministrazione. La dottrina prevede l’apertura di governi e PA verso nuove forme di trasparenza e partecipazione (e collaborazione) dei cittadini alla “cosa pubblica”.
Ma in realtà, la filosofia dell’accesso libero all’informazione nasce già prima, dal movimento Open Source, da termini come copyleft, Web2.0 (e, quindi, social software).
Nel Web tradizionale, la natura della relazione tra documenti è implicita perché l’HyperText Markup Language (HTML) non è in grado di esprimerne la semantica: i collegamenti (link) tra documenti non esprimono il tipo di relazione che li lega.
Tim Berners-Lee, nella sua prima proposta presentata al CERN nel 1989, espresse la necessità di creare un ipertesto globale, dove le informazioni fossero tutte collegate tra di loro, ma dove la ricerca dei contenuti avesse come risultato i documenti che davvero corrispondevano alla esigenze di chi fa la ricerca. Tale ipertesto globale (web semantico) si può creare con un sistema di gestione dell’informazione a grafo, i cui nodi sono collegati da link ipertestuali “etichettati”, ossia con la descrizione del tipo di relazione che si stabilisce tra due nodi. Si passa dal “World Wide Web” visto come una rete di documenti ad una “rete di dati” (Web of Data), dove i dati stessi sono inseriti in un contesto e, dunque, arricchiti di semantica. Cosa ancora più importante è che lo scopo del Web Semantico è quello di dare vita ad una “ragnatela” di dati elaborabili dalle macchine (machine readable, appunto). Il Web Semantico (o web dei dati) è l’obiettivo finale e i linked data offrono i mezzi per raggiungerlo.

 

Come sta cambiando Volunia: importanti novità dal 18 maggio 2012

In questi mesi, vi sarà sicuramente capitato di domandarvi che fine avesse fatto Volunia e, probabilmente, cosa stava nascondendo il silenzio e l’assenza di comunicazioni da parte nostra.

Questa scelta vi sarà sembrata incomprensibile, magari a tratti anche irrispettosa e poco ragguardevole nei confronti di chi ha dimostrato curiosità, interesse e partecipazione intorno al progetto. Se il nostro atteggiamento è risultato tale, o vi ha in qualche modo infastidito, vi preghiamo di accettare le nostre scuse. Chiediamo scusa soprattutto ai nostri Power User, che nonostante tutto, sono rimasti con noi, hanno continuato a scoprire, scandagliare, studiare la piattaforma di Volunia.

Ci teniamo, però, a farvi sapere che non è mai stata nostra intenzione ignorare le voci rivolte a noi o chiudere le porte ai nostri sostenitori. Abbiamo preferito, in questi mesi, rimanere momentaneamente in disparte, per osservare doviziosamente quello che stava succedendo, in seguito al lancio della prima Beta, e ascoltare con attenzione tutto ciò che ci veniva criticato, suggerito, consigliato.

Abbiamo accettato, seppur con dispiacere, anche polemiche e duri attacchi, comprendendo che erano dettati dal disappunto e dalla delusione che probabilmente questa nostra linea di azione ha contribuito ad alimentare.

Questo nostro ritiro si è tradotto, dunque, in un’approfondita attività di analisi delle criticità, che ci ha portato a comprendere, mediante un duro e scrupoloso lavoro di ricerca e implementazione, cosa migliorare, cosa modificare, cosa sostituire o integrare in Volunia.

Dal 18 maggio, infatti, i nostri Power User potranno testare con mano alcuni sostanziali cambiamenti, che consentiranno di comprendere ancora meglio l’identità, l’unicità di Volunia e le sue grandi potenzialità.

Ecco in anteprima qualche anticipazione:

  • Rafforzeremo le funzioni di ricerca attraverso l’integrazione nel sistema Volunia con uno dei principali motori di ricerca presenti sul mercato mondiale. Abbiamo deciso, pur continuando a portare avanti lo sviluppo del nostro motore, di mettere a vostra disposizione un motore di ricerca primario, per consentirvi di fruire di tutte le funzionalità di Volunia e di tutte le sue potenzialità.
  • Volunia avrà una nuova veste grafica, più funzionale e accattivante, pensata e realizzata anche grazie al Vostro contributo.
  • Metteremo a vostra disposizione documenti più chiari ed esaustivi riguardanti le politiche di privacy e i termini e condizioni di utilizzo del servizio Volunia.

E’ iniziata, dunque, la nuova fase di Volunia, agli aggiornamenti apportati il 18 maggio ne seguiranno altri, a partire dal 21 maggio.

Stiamo lavorando con solerzia per riuscire ad aprire Volunia a tutti. La nostra intenzione e la nostra speranza è di riuscire a renderlo disponibile al pubblico entro il 14 giugno. Questo tempo ci sarà utile a verificare, grazie anche al prezioso contributo dei nostri Power User, che durante questa seconda fase di Beta testing non emergano grosse criticità.

La svolta di Volunia inizia, però, in realtà, già oggi.

Questo che state leggendo, infatti, è il post inaugurale di blog.volunia, il nostro canale di comunicazione ufficiale attraverso il quale, a partire da questo momento, vi terremo al corrente di tutti i nostri passi nella crescita del progetto Volunia: le novità, il lancio ufficiale con apertura pubblica e tutte le innovazioni che apporteremo da ora in poi.

Con blog.volunia aumenteranno, oltretutto, le possibilità di interazione con voi utenti e se lo vorrete, potrete diventare parte integrante delle scelte di Volunia partecipando, per esempio, a sondaggi riguardanti la scelta di alcuni aspetti grafici, legati alle mappe visuali.

Oltre al blog, la nostra comunicazione passerà anche attraverso un servizio di newsletter e una rinnovata sezione Q&A.
Saremo sempre presenti. Sarete costantemente aggiornati e informati sugli sviluppi di Volunia e sulle tempistiche necessarie a rendere la nostra piattaforma sempre funzionale e in linea con le vostre esigenze e aspettative.

Grazie a tutti per averci aspettato.

Il Team Volunia

Mie considerazioni dopo aver letto l’articolo su Il Giornale (09 febbraio 2012):

Volunia, ma che delusione il Google made in Italy Lo abbiamo provato per voi

Debutta il motore di ricerca italiano, salutato da tutti come rivoluzionario. Il “papà”: siamo solo all’inizio, ma dovevamo mostrarci agli investitori
E’ vero, Volunia è all’inizio di una strada tutta in salita, ma con una idea eccellente. Il web è “social”? Ebbene, anche lo strumento che utilizziamo per navigarlo lo diventa. Purtroppo, il progetto nasce in un periodo non proprio roseo per la finanza mondiale. Ribadirei una cosa scontata, ossia che il grosso problema non è tanto il limite tecnologico, che si supera con il lavoro e la ricerca (cosa in cui noi Italiani siamo imbattibili), ma sono i soldi che non girano per finanziare progetti del genere.
Forse occorreva soltanto aspettare un pò prima di far uscire la versione “alfa”, tanto criticata forse immeritamente, ma con problemi evidenti (nella presentazione e nelle funzionalità).
L’articolo de Il Giornale che considera una delusione il “Google made in Italy” è per me sdegnoso per rappresentare un lavoro che nasce dalla collaborazione di una piccola equipe di studenti ed ex studenti dell’Università, dove insegna lo stesso Marchiori. Ma che ci si aspettava? Davvero di riprogettare Google da un giorno all’altro? Io premierei soprattutto l’idea brillante che, se trova a metà di quest’anno una realizzazione concreta e ben apprezzata, potrà essere un risultato straordinario per l’innovazione italiana.
Ancora una volta una idea innovativa che nasce nelle nostre Università ma che, stavolta, potrebbe essere sviluppata anche in casa nostra, invece di vedere le nostre menti geniali trovare gloria altrove.