Le Leggi Fondamentali della stupidità umana

Ho da poco letto un saggio dello storico ed economista italiano Carlo M. Cipolla, dopo che mi è capitata una frase su un libro in cui si parlava di Etica e che mi ha particolarmente colpito:

“E’ intelligente chi fa il bene suo e degli altri, è bandito chi fa il bene suo e il male degli altri, è sprovveduto chi fa il bene degli altri e il male suo, è stupido chi fa il male suo e degli altri”

 

Il saggio in questione si intitola “Le leggi fondamentali della stupidità umana” (1988) e ve lo allego di seguito.

 

Leggi della stupidità umana di Cipolla
Titolo: Leggi della stupidità umana di Cipolla (0 click)
Etichetta:
Filename: leggi_stupidita-2.pdf
Dimensione: 192 kB

 

Vi consiglio di leggerlo perché, anche se apparentemente ironico, è (ahimè) alquanto realistico e rispecchia appieno la realtà sociale di questo periodo.

stupidita-cipolla

Ecco la classificazione che Cipolla dà degli esseri umani:

Gli esseri umani si dividono in SPROVVEDUTI, INTELLIGENTI, BANDITI e STUPIDI.
I Banditi sono quelli che si procurano un guadagno a scapito di altri, i quali subiscono una perdita.
Gli Sprovveduti sono quelli che realizzano un’azione il cui risultato comporta una perdita per lui ed un guadagno per gli altri.
Gli Intelligenti sono quelli che realizzano un’azione dalla quale lui e gli altri traggono un vantaggio.
La nostra vita è però punteggiata da vicende in cui si incorre in perdite di denaro, tempo, energia, appetito, tranquillità e buonumore a causa delle improbabili azioni di qualche assurda creature che capita nei momenti più impensabili e sconvenienti a provocarci danni, frustrazioni e difficoltà, senza aver assolutamente nulla da guadagnare da quello che compie. La persona in questione è stupida.

 

Ecco le 5 Leggi Fondamentali della stupidità umana proposte da Cipolla:

1° Legge. Sempre ed inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero di individui stupidi in circolazione
2° Legge. La probabilità che una certa persona sia stupida è indipendente da qualsiasi altra caratteristica della stessa persona
3° Legge. Una persona stupida è una persona che causa un danno ad un’altra persona o un gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé od addirittura subendo una perdita.
4° Legge. Le persone non stupide sottovalutano sempre il potenziale nocivo delle persone stupide. In particolare i non stupidi dimenticano costantemente che in qualsiasi momento e luogo, ed in qualunque circostanza, trattare e/o associarsi con individui stupidi si dimostra infallibilmente un costosissimo errore.
5° Legge. La persona stupida è il tipo di persona più pericoloso che esista
Corollario 5° Legge. Lo stupido è più pericoloso del bandito

 

Mi sono appuntato delle frasi del saggio che qui condivido:

  • La maggior parte delle persone non agisce coerentemente. In certe circostanze una persona agisce intelligentemente e in altre quella stessa persona si comporta da sprovveduto. Una persona intelligente può talvolta comportarsi da sprovveduto, come può talvolta assumere un comportamenti banditesco. L’unica eccezione alla regola è rappresentata dalle persone stupide che normalmente mostrano una massima propensione per una piena coerenza in ogni campo di attività.
  • Alcuni individui ereditano notevoli dosi del gene della stupidità e grazie a tale eredità appartengono, sin dalla nascita, all’élite del loro gruppo. Il secondo fattore che determina il potenziale di una persona stupida deriva dalla posizione di potere e di autorità che occupa nella società. Tra burocrati, generali, politici e capi di stato si ritrova l’aurea percentuale di individui fondamentalmente stupidi la cui capacità di danneggiare il prossimo fu (o è) pericolosamente accresciuta dalla posizione di potere che occuparono (od occupano). Al proposito anche i prelati non vanno trascurati.
  • La domanda che spesso si pongono le persone ragionevoli è in che modo e come mai persone stupide riescano a raggiungere posizioni di potere e di autorità. Classe e casta (sia laica che ecclesiastica) furono gli istituti sociali che permisero un flusso costante di persone stupide in posizioni di potere nella maggior parte delle società preindustriali. Nel mondo industriale moderno, classe e casta vanno perdendo sempre più di rilievo. Ma, al posto di classe e casta, ci sono partiti politici, burocrazia e democrazia. All’interno di un sistema democratico, le elezioni generali sono uno strumento di grande efficacia per assicurare il mantenimento stabile della frazione a fra i potenti.
  • Va ricordato che, in base alla Seconda Legge, la frazione a di persone che votano sono stupide e le elezioni offrono loro una magnifica occasione per danneggiare tutti gli altri, senza ottenere alcun guadagno dalla loro azione. Esse realizzano questo obiettivo, contribuendo al mantenimento del livello a di stupidi tra le persone al potere.

Infine, il saggio si chiude dicendo che sono meglio i banditi, che traendo guadagno a scapito di altri non comportano un impoverimento/danneggiamento della società, rispetto agli stupidi che, danneggiando sè e gli altri, impoveriscono o danneggiano la società stessa in cui vivono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


quattro − = 1