[iOs] Distribuzione “ad hoc” di una app senza sincronizzazione con iTunes, direttamente da device

TestFlightApp LogoVi scrivo qui la procedura che sto seguendo per permettere ad un altro utente di installare la vostra app, senza ogni volta mandargli l’IPA (e relativo certificato di “Ad Hoc Distribution Provisioning”), e senza fargliela sincronizzare con iTunes.

La procedura permette di:

  • inviare una notifica all’utente di rilascio di una nuova versione beta, con relativa descrizione delle funzionalità o correzioni che avete fatto
  • far installare l’app direttamente da device, senza farglielo attaccare via usb al pc e sincronizzare l’IPA e certificato con iTunes
  • ricevere feedback e visualizzare quale è l’effettiva release installata dall’utente sul proprio device, grazie ad una interfaccia web di monitoraggio e di attività

Il servizio si chiama TestFlight ed è disponibile a questo indirizzo: https://testflightapp.com

Appunto, la procedura descritta è quella dell’ installazione “al volo” delle versioni beta delle app (ad hoc distribution over the air) e l’ho trovata molto molto comoda. Basta registrare un account, assolutamente free, e inserire poi le seguenti informazioni da una dashboard:

  • team di progetto: indirizzi email e relativi UUID dei device dei membri del vostro team (siano essi clienti o colleghi di lavoro)
  • certificati di Provisioning: per poter installare una IPA su un device, come sapete, occorre un certificato di ” Provisioning Ad Hoc Distribution”, come descritto anche in un precedente articolo di questo blog: [iOs] Archiviazione e distribuzione di un “ad hoc build” o IPA file con XCode 4

Il certificato di distribuzione “ad hoc” si aggiorna sempre sull’account di Apple Developer, ma lo si inserisce direttamente in TestFlight. Ogni volta, dunque, non dovete inviarlo di nuovo agli utenti, ma verrà aggiornato in automatico da TestFlight stesso quando viene installata la release dell’app inviata.

Per ciascuna release, TestFlight vi permette di inviare una notifica solo ad alcuni utenti a cui dare il permesso di installarla, dandovi informazioni su quando, se e da chi è stata installata.

Nulla di più semplice :)

TestFlightApp

Google Developer Group (GDG) Lazio-Abruzzo

Propongo agli sviluppatori particolarmente spinti verso l’innovazione tecnologica, questa interessante iniziativa:

Google Developer Group (GDG) Lazio-Abruzzo – Idee e tecniche per sviluppatori interessati a tecnologie innovative

Google-Developers

Cosa significa GDG L-Ab?
gdg-labGoogle Developers Group Lazio Abruzzo. In pratica persone a Roma e dintorni che fabbricano software e si inventano applicazioni Web e Mobile (non solo Google) … e che si divertono a farlo.Gente che cerca innovazione per creare ulteriore innovazione, non solo tecnologica, ma anche sociale.I GDG sono in tutta Italia e nel Mondo, sono indipendenti e liberi ma aiutati e coordinati da
Google.

Ecco i siti di riferimento:

Creative Commons License
This work by Francesco Ficetola is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.
Based on a work at www.francescoficetola.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.francescoficetola.it/2013/01/24/google-developer-group-gdg-lazio-abruzzo/.

[Accessibilità] Legge Stanca: finora una norma in bianco. Sta cambiando?

Logo di accessbilità CNIPAAccessibilità dei siti istituzionali? Finora solo utopia. Una legge rimasta nel cassetto, senza il supporto di un vero e proprio organismo di vigilanza (forse il CNIPA?) capace di regolamentare un obbligo che è diventato legge nel 2004 (Legge Stanca sull’accessibilità – Legge n. 4 del 9 gennaio 2004 “Disposizioni per favorire l’accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici”). Eppure è una legge, ma che in Italia resta solo un mero termine, che per gli organismi pubblici diventa una linea guida “facoltativa”.

La Legge Stanca, nei confronti della pubblica amministrazione, reca degli obblighi, a cui applicare, in teoria, sanzioni in caso di infrazione.

E’ previsto, infatti, che i siti Web delle pubbliche amministrazioni creati ex-novo o soggetti a «rinnovo, modifica o novazione» dovranno essere accessibili (entro 12 mesi) secondo le linee guida definite nel regolamento tecnico e che i nuovi contratti stipulati siano colpiti da nullità, qualora non rispettino i requisiti di accessibilità (Art. 4).

Ma è rimasta teoria insomma, soggetta ad interpretazione e incostituzionale in alcuni punti: Legge Stanca: la sanzione della nullità dei contratti

Una “norma in bianco”? Chi ne paga le conseguenze? I cittadini tutti. Siti internet che dovrebbero offrire “sportelli elettronici” online, quasi sempre inaccessibili, non usabili e che arrecano danno e disservizio. L’Italia vuole stare al passo tecnologico con il resto di Europa? Ma se sta indietro almeno 10 anni sulla roadmap verso la digitalizzazione dei servizi della PA?

Le PA abbracciano un bacino di utenza molto ampio e il livello di rischio è relativamente alto e non possono trascurare il requisito dell’accessibilità, che è legge!

accessibileSi parla di Agenda Digitale, ma prima di tutto si dovrebbe far applicare alla lettera la Legge Stanca, multando o mettendo offline quei siti che non superano i 22 requisiti di accessibilità che la normativa impone. Scandaloso l’esempio dell’ISTAT che l’anno scorso mise online il questionario per il referendum presentando una form inaccessibile. Esemplare è stata la denuncia del liceale leccese non vedente, Vincenzo Rubano, che li ha “sputtanati” con l’ottima iniziativa “Ti tengo d’occhio“, il sito web dedicato all’accessibilità e che ha come obiettivo primario, appunto, quello di denunciare siti e programmi poco o per nulla accessibili ai ciechi e agli ipovedenti (vedi anche articolo, “Ti tengo d’occhio sito istituzionale”). Si, perché l’unica cosa che si può fare è denunciare i cosiddetti CED interni delle PA, che dovrebbero essere centri informativi di eccellenza. La domanda è lecita: è ancora utile avere un CED interno nella Pubblica Amministrazione?

Voci del silenzioNe approfitto per informarvi che ieri a Catanzaro si è tenuta la conferenza  “Le voci del silenzio”, che propone di individuare i crocevia per l’incontro, la promozione e la conoscenza di problemi economici-sociali, con particolare riferimento alla ricerca di tutte le azioni atte a favorire e facilitare il recupero e l’inserimento nel tessuto socio-economico dei portatori di handicap, tossicodipendenti, ex reclusi. Tra i tanti illustri relatori previsti nel programma della conferenza, figura proprio Vincenzo Rubano, il quale presenterà il suo progetto “Ti tengo d’occhio”. Lo studente salentino, inoltre, presenterà alla platea “V4B – Video4Blind”, la sua originale idea per rendere “visibili” ai non vedenti i video pubblicati su Youtube e su altri media similari.

Dopo l’approvazione del Decreto Crescita 2.0 qualcosa sembra muoversi. Tra le novità più importanti introdotte dal decreto:

  • gli utenti sono invitati a segnalare eventuali inadempienze all’Agenzia per l’Italia Digitale; nel caso la segnalazione sia fondata, sarà richiesto l’adeguamento del servizio entro 90 giorni dalla segnalazione;
  • gli obblighi della legge Stanca si estendono anche ai soggetti privati che forniscono servizi alle PA;
  • il 31 marzo di ogni anno, le PA saranno tenute a pubblicare l’elenco degli obiettivi di accessibilità per l’anno corrente;
  • nell’ambito delle amministrazioni pubbliche, le sanzioni per inadempienza andranno a gravare sui dirigenti responsabili in termini di valutazione prestazionale.

Andranno a gravare sui dirigenti responsabili in termini di valutazione prestazionale? Non penso gli abbasseranno gli stipendi o manderanno a casa…

Le famiglie campane. Tra storia, genealogie e personaggi illustri

[Post rilasciato sulla pagina Facebook de LuBannaiuolu.net]

A tutti gli Amici di questo interessantissimo gruppo di divulgazione culturale, sperando di non arrecare disturbo ad alcuno, vorrei comunicare che è disponibile il mio libro “Le famiglie campane. Tra storia, genealogie e personaggi illustri” (di Fabio Paolucci – Ed. Kairòs, Napoli 2012, pp. 287 – ISBN 978-88-98029-07-5, Euro 14,00).

Nel testo tantissimi sono i riferimenti a Famiglie della provincia di Avellino e di Calabritto nello specifico, meravigliosa realtà che ho avuto modo di conoscere e di apprezzare quando ho pubblicato il libro “La famiglia Di Popolo da Calabritto” (ed. Boopen, Napoli 2010).
Le famiglie campane” è acquistabile in ogni libreria oppure contattando la casa editrice Kairòs Edizioni sul seguente link: http://www.edizionikairos.com/

Grazie a Tutti per la cortese attenzione.

Fabio Paolucci

Le famiglie campane

Un 2013 di tante soddisfazioni e successi!

Il primo post di quest’anno. Il 2013.

Che sia un anno di successi per tutte le persone a cui voglio bene. Non tanto per me, che nel mio piccolo cerco di stare sempre al passo e dare il massimo. Con la soddisfazione di riuscire a cavarmela sempre da solo, con la sorte che finora mi ha aiutato. Che la stessa sorte aiuti chi ha meno possibilità di me.

Un 2013 in cui stringere ancora una volta i denti, in un periodo difficile per noi giovani. Tagliati fuori da tutte le possibilità che hanno avuto le generazioni che ci hanno preceduto. Dove non è vero che una laurea non serve a niente, perché non c’è niente di più bello che vedere un genitore che si emoziona vedendo un figlio, con i suoi e i loro sacrifici, raggiungere un importante risultato.

Buon anno a tutti!

Buon anno 2013

Creative Commons License
This work by Francesco Ficetola is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.
Based on a work at www.francescoficetola.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.francescoficetola.it/2013/01/09/un-2013-di-tante-soddisfazioni-e-successi/.