La morte dei forum? Colpa dei social network

Ho deciso di scrivere questa riflessione rispondendo, sicuramente in modo scontato, alla domanda di cui titolo della presente, dopo aver letto il post polemico di FaSan dello staff di SMItalia.net, community italiana del famosissimo forum SimpleMachines, che preannuncia la fine del ciclo di vita del sito stesso:

Come la storia ci insegna, in ogni cultura, religione, impero, cultura.. ma anche semplicemente business, c’è un periodo di impennata, un periodo statico ai massimi livelli, per poi cadere e morire.
Questo è quello che è successo qui in SMItalia e che spero vivamente accadrà sempre in ogniddove.
Si ringraziano le persone che hanno speso il loro tempo ed a volte il loro denaro, rinunciando ai divertimenti più disparati per dare il loro aiuto e il loro contributo a tutti gli utenti di SMI e di SMF per risolvere i problemi delle loro board.

E se non dovessimo vederci…buongiorno, buonasera e buonanotte.

FaSan

Dal post emerge forse un senso di delusione per la scarsa partecipazione e interesse al progetto?

A questo punto mi sono chiesto: è davvero la morte dei forum? Io penso che quelli di carattere “generalista”, ossia che raccolgono persone che riflettono su argomenti di carattere generale, non tecnico, siano morti da un pezzo. Eppure i forum/blog di carattere tecnico li vedo ancora molto utilizzati (ahimè, soprattutto all’estero) e io li uso quotidianamente per leggere, documentarmi e risolvere i miei problemi di lavoro. Almeno questi sono sicuro che sopravviveranno ancora per anni.

Prima i software di instant messaging e poi i social network, hanno “monopolizzato” la comunicazione degli internauti, offrendo strumenti e modi per lo scambio di informazioni (messaggi, foto, video, …) più immediati e sicuramente accattivanti dei forum.

Nell’articolo Community Forum or Social Network? si mettono in rilievo svantaggi e vantaggi dei forum e dei social network, con consigli sulla creazione di community online. La tecnologia applicativa dei due “strumenti” è la stessa, ma cambia il focus: il forum è focalizzato verso i contenuti e la discussione, il social network è punta a far emergere la personalità dell’utente e tutte le attività della comunità, così come le relazioni tra i suoi membri.

Riporto un grafico che ci fa capire quali sono gli strumenti sociali più utilizzati del momento (Fonte SocialMediaExamine – Social Media Marketing Industry Report 2012):

Un altro articolo interessante è quello di Massimo LizziForum vs Blog e Social-network , da dove ho estratto quanto segue:

All’epoca, a cavallo tra gli anni ’90 e i 2000, pochi forum erano l’unico effettivo spazio virtuale di dibattito pubblico. Esserne esclusi significava quasi essere messi a tacere. Oggi i forum sono tantissimi e chiunque può con facilità aprirsi un blog o una pagina su Facebook, registrarsi su Twitter e far valere quel che pensa su qualsiasi cosa e pure su chi lo ha bannato. […]

Però i forum hanno sicuramente un difetto. Blog e socialnetwork permettono i confronti alle giuste distanze e ciascuno è responsabile della sua tribuna. Frequentazioni e non frequentazioni si autoregolano. I forum invece, oltre a dipendere da admin «dittatori», funzionano come una classe scolastica, un ufficio aziendale, un reparto di lavoro. Le persone che entrano in conflitto sono costrette a continuare quotidianamente a vedersi, a incontrarsi, a frequentarsi. E questo forma il clima.

 

Mi piace molto la parola clima che è stata usata. I social network rispecchiano le relazioni sociali così come avvengono(più o meno) tutti i giorni. Eppure sono un fiero sostenitore dell’importanza dei forum, come strumento utile per mettere in comunicazione e raccogliere informazioni di una Community. Si mantiene ancora una propria identità, una facoltà nel poter gestire un proprio spazio (lontano dai “monopolisti”), inserire quando si vuole nuove funzionalità, garantire un servizio, condividere determinate informazioni opportunamente selezionate e ricercabili. Non so fino a quanto FaceBook o Twitter siano affidabili e “usabili” per poter ricercare, nella miriade di commenti e di messaggi di stato della bacheca di una pagina della Community, le informazioni che ci servono e, soprattutto, fino a quando ce le metteranno a disposizione.

Lunga vita ai forum!

Baccanalia 2012 a San Gregorio Magno

Con Baccanalia ogni anno a fine agosto Via Bacco riapre le sue tipiche cantine e si trasforma in un popoloso borgo che rivive i fasti delle antiche feste in onore del dio Bacco. Tutti sono invitati ad assaggiare l’ottimo vino e i gustosi piatti della cucina gregoriana, tra musiche e danze della tradizione, che allietano una festa unica nel suo genere. Durante la manifestazione, inoltre, numerose aziende agricole locali espongono i prodotti tipici di San Gregorio Magno – soprattutto sottolii e prodotti caseari – per permetterne la degustazione.

Luogo: San Gregorio Magno (Salerno)

Quando: 25, 26, 27, 28 agosto 2012

http://www.baccanalia.it

Creative Commons License
This work by Francesco Ficetola is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.
Based on a work at www.francescoficetola.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at http://www.francescoficetola.it/2012/08/25/baccanalia-2012-a-san-gregorio-magno/.

Un fumetto storico sul guerriero Spartaco e le sue battaglie nella Valle del Sele

Un fumetto sulla storia del guerriero Spartaco, sulla mia terra. Opera unica ed originale, realizzata ancora una volta da chi non vive nella nostra Irpinia, ma che si innamora della sua storia e cultura, oltre che della bellezza del paesaggio.

Brillante l’idea di rappresentare un fatto storico con fumetti, sicuramente di più immediata ed interessante fruizione. Una passione che l’abruzzese James Fantauzzi ha saputo trasmettere con il vivo entusiasmo, valorizzando una vicenda del nostro passato che si era persa nei pochissimi libri che ce l’hanno tramandata.

Volendo citare Cicerone, personaggio celebre del periodo storico in cui ci collochiamo: “La storia è testimone dei tempi, luce della verità, vita della memoria, maestra della vita, nunzio dell’antichità”.

Lo scenario è quello della valle del Sele, al confine tra l’Irpinia e la Lucania, che vanta una storia millenaria, con i suoi territori abitati molto prima dell’epoca pre-cristiana, che offriva (ed offre ancora) tante ricchezze di pascolo e di coltivazione, lambite dal fiume omonimo che nei secoli ha marcato il suo passaggio fino alle foci di Poseidonia, l’attuale Paestum, antichissima città della Magna Grecia. Non dimentichiamo che la valle del Sele era la zona di confine tra varie popolazioni, tra cui Sanniti, Osci e Lucani, prima acerrime nemiche dei Romani e poi, sottomesse, diventate i loro punti di forza per garantire la stabilità politica del territorio. Una terra che viene citata persino da Virgilio nell’Eneide, luogo del tempio dedicato alla dea Mefite, dove lui riteneva ci fosse una delle porte per accedere all’Inferno.

La posizione strategica del territorio ha permesso all’esercito romano di attaccare Spartaco e il suo esercito di ribelli, nella località che ancora oggi prende il nome di Témete, dove si incontra il fiume Zagarone di Calabritto con il Sele che nasce a pochi km a Caposele. Qui Spartaco, spronando i suoi guerrieri avrebbe urlato “Temète!” contro i Romani che li accerchiarono e trovò la morte nell’ultima battaglia, probabilmente nella vicina Lucania, rimanendo tuttavia nella storia come eroe difensore del diritto legittimo della libertà.

Un grazie di cuore a James per averci regalato questo suo omaggio artistico. Purtroppo sono poche le iniziative locali intraprese per divulgare e, soprattutto, guidare le nuove generazioni alla scoperta degli stupendi posti, che molti sono, nella valle del Sele. Con la speranza che questo suo lavoro possa spronare la volontà e l’interesse per la realizzazione di tantissimi altri.

Il nostro unico dovere nei confronti della storia è di riscriverla” (Oscar Wilde).

————————————————————————————————-

Per maggiori informazioni sull’opera di James Fantauzzi vi invito a vedere la discussione sul forum de LuBannaiuolu.net:

http://www.lubannaiuolu.net/forum/index.php?topic=796.0

[portfolio_slideshow size=medium autoplay=false random=false centered=true carousel=true navstyle=graphical navpos=bottom pagerstyle=thumbs pagerpos=top]

La complessità di un sistema e la parabola dei due orologiai

È inevitabile, in quasi tutte le discipline di studio, che dopo aver esaurito gli aspetti generali e quelli introduttivi, e dovendo quindi entrare nel vivo delle questioni, si debba avere a che fare con tecnicismi e con riferimenti ad altre materie che non sempre si prestano alla divulgazione. Ne risultano articoli spesso astrusi, poco immediati o quantomeno noiosi. Però trattare di architettura della complessità o di strutture gerarchiche in modo semplice non è oggettivamente facile.

Chi ci ha provato è stato Herbert A. Simon, più noto per i suoi lavori sulla teoria delle decisioni e su quella delle gerarchie che come psicologo. La Teoria delle Gerarchie, dice Simon, “è un modo di guardare alla complessità di un sistema senza specificare i contenuti di quella complessità.

Esempi di gerarchie, egli notava, sono le sostanze chimiche che, analizzate, si rivelano composte di molecole, e queste di atomi. Oppure gli organismi viventi, composti di organi e tessuti, poi di cellule e poi di macromolecole, da cui si passa alla gerarchia vista prima.

Per quale motivo tali strutture gerarchiche sono così predominanti in natura? Simon lo spiegava con la parabola dei due orologiai.

C’erano una volta due orologiai, Hora e Tempus, che fabbricavano dei gran bei orologi. Entrambi gli artigiani erano molto stimati, e il telefono nel loro laboratorio suonava frequentemente, dato che nuovi clienti li chiamavano. Ma mentre Hora prosperava, Tempus diventava sempre più povero, sinchè alla fine dovette chiudere il negozio. Quale ne fu la ragione?

Gli orologi che i due maestri producevano erano composti da circa mille parti ciascuno. Tempus però costruiva i suoi in maniera che, se doveva metterli giù quand’erano parzialmente assemblati per rispondere al telefono, andavano in pezzi e dovevano essere ricostruiti daccapo. Più i suoi orologi piacevano, più riceveva telefonate e meno riusciva a produrne.

Gli orologi di Hora non erano meno complessi, ma lui li aveva progettati in modo da comporre dei sub-assiemi iniziali di circa dieci elementi ciascuno. Dieci di questi sub-assiemi potevano essere montati per formare un sottoinsieme più grande, e un gruppo di dieci di questi formava un intero orologio. Quindi, quando Hora doveva tralasciare un orologio non ancora completo per rispondere al telefono, perdeva solo una piccola parte del suo lavoro: i sub-assiemi finiti non si decomponevano. Egli poteva così assemblare gli orologi in una frazione del tempo che occorreva a Tempus.

La morale è che le strutture gerarchiche evolvono molto più rapidamente dagli elementi costituenti di quanto possano farlo sistemi non-gerarchici con lo stesso numero di elementi.

Alla fine”, diceva Simon, “anche la conoscenza scientifica è organizzata in livelli non perché la riduzione totale in principio sia impossibile, ma perché la natura è organizzata in livelli, e la configurazione a ciascun livello è più facilmente discernibile se si può prescindere dai dettagli dei livelli inferiori.

[Tratto da Managers Meeting Point]

[iOS] La libreria Three20: navigazione “persistente” e galleria fotografica nelle vostre app

Three20 è una libreria open-source scritta in Objective-C e molto utilizzata e diffusa tra le maggiori app in Apple Store, come Facebook, Posterous, Pulse, Meetup.com e SCVNGR (vedi il seguente link con l’elenco delle app più famose che lo hanno utilizzato: http://three20.info/gallery).

La libreria mette a disposizione un ricco set di view controller come il Launcher, il popolare Photo Browser per la creazione di una gallery, e varie tables concepite per i contenuti Internet.

Altra funzionalità potentissima è quella che permette di accedere alle view delle vostra app tramite delle URL, come se la navigazione avvenisse su un sito web. Tale possibilità è davvero eccezionale, perché senza tale framework siamo costretti a programmare la navigazione con una gestione a stack delle view (grazie al navigation controller), dove il “salto” tra una vista e l’altra può avvenire solo tramite operazioni di push e pop delle stesse. Three20 introduce, quindi, il concetto di “persistenza“: permette di ricordare lo stato dell’app, ovvero ogni pagina (vista) viene “raggiunta” grazie ad una specifica URL. Quando un utente naviga attraverso le viste, Three20 memorizza una history di navigazione e la scrive su disco. Quando l’app viene ricaricata di nuovo, queste URLs vengono rieseguite istantaneamente così che la navigazione inizia dall’ultima vista visualizzata.

La libreria è modulare, ossia è possibile scegliere quali elementi includere nelle nostre app. Ciò fa di Three20 l’unico framework in Objective-C che incoraggia l’utilizzo di quelle che la comunità chiama “extensions“. Il Launcher è un’altra implementazione open-source disponibile in Three20 che emula l’app launcher standard dei dispositivi iOs (ossia il “desktop” con tutte le app installate, detto springboard). Il Launcher permette, dunque, di riordinare e cancellare gli elementi, personalizzare il numero di colonne e righe e di gestire pagine multiple.

Ecco il link al sito ufficiale con la demo delle funzionalità disponibili in Three20http://three20.info

Per una introduzione vi consiglio di leggere il post sul blog di Ray Wenderlich:

http://www.raywenderlich.com/656/introduction-to-three20

Per l’installazione del framework nelle vostre app vi invito a vedere il seguente video:

http://www.youtube.com/watch?v=-0-E-Z0fihg

Il progetto si trova su GitHub e prendi il nome di Facebook-Thre20, perché Facebook lo utilizzò per implementare la sua prima app mobile e lo ha fixato/customizzato nella versione attualmente (1.0.6) più stabile: https://github.com/facebook/three20/

L’installazione di Three20 nelle vostre app è molto semplice. Prima occorre scaricare la libreria a questo link: http://three20.info/roadmap/1.0.6.2 (o da riga di comando con GIT o decomprimendo il .tar). Vi consiglio di mettere la cartella decompressa di Three20 (rinominandola in three20) nella parent directory che contiene il progetto della vostra app. Basta poi digitare da terminale il seguente comando python per procedere all’installazione e configurazione automatica della libreria nella vostra app:

python three20/src/scripts/ttmodule.py -p path/to/myProject.xcodeproj Three20

Vi ritrovate comunque tutti i passi, anche quelli della procedura manuale di installazione, al seguente link: http://three20.info/article/2010-10-06-Adding-Three20-To-Your-Project Dopo l’installazione, nel progetto della vostra app, vi ritroverete (nella cartella Frameworks o Dependencies) i seguenti sottoprogetti (o moduli):

  • Three20Core
  • Three20Network
  • Three20Style
  • Three20UICommon
  • Three20UINavigator
  • Three20UI
  • Three20

Quando compilerete il vost ro progetto, XCode compilerà prima i precedenti sottoprogetti, rendendo disponibili i compilati alla vostra app.

Per realizzare una galleria di foto in una app iPhone/iPad, io ho seguito l’articolo sul blog di Ray Wenderlichhttp://www.raywenderlich.com/1430/how-to-use-the-three20-photo-viewer

Grazie al precedente articolo, ho potuto realizzare le gallery di foto delle mie app iVagabro e LuBannApp.

 

[Liferay&SemanticWeb] La semantica in Liferay con SKOS e Stanbol

Il giorno 11 Giugno 2012 si è tenuto all’Università di Tor Vergata il roadshow di Liferay e faccio qui una sintesi sugli argomenti trattati all’incontro, estratti dal materiale messo online sul portale della didattica di Tor Vergata:

[Materiale Didattico – Roadshow di Liferay – Università di Tor Vergata (Portale della Didattica)]

NOTA. Il materiale viene distribuito nel rispetto delle licenze Creative Commons e citando la fonte e gli autori.

Caratteristiche di Liferay Portal 6. Per quanto riguarda le caratteristiche di Liferay (versione 6), non volendo essere troppo prolissi, possiamo subito rispondere alla domanda sul perché conviene utilizzarlo. Innanzitutto perché è un progetto open-source, che consente un notevole risparmio in termini economici e tempi ristretti per l’installazione e la configurazione di una architettura Portal di tipo Enterprise.

Allo stato attuale, sono stati effettuati circa 6 milioni di download dei Liferay e il numero è destinato a crescere. Grazie ai connettori standard di cui Liferay è fornito, è possibile integrare il Portal con sorgenti esterne eterogenee, dai social network come (Facebook, Twitter e tanti altri che aderiscono allo standard Open Social) a sistemi legacy, repositories esterne e content store (tramite SOAP, Web Services, strumenti di Enterprise Integrations o servizi REST). Inoltre, può essere depiloyato sui maggior web containers diffusi nell’ambito J2EE (JBoss, Tomcat, ad esempio), si connette con i database più diffusi (come MySQL, PostGRESql, Oracle, ecc) e, grazie alla JVM, si può configurare su vari sistemi operativi.

Tra gli Enterprise Portal, secondo Gartner, Liferay si colloca al terzo posto con il 47%, dietro colossi commerciali come Oracle e Microsoft e collocato nel primo quadrante (Leaders e Visionaries) degli Horizontal Portal:  http://blogs.perficient.com/portals/2011/10/31/gartner-magic-quadrant-for-horizontal-portals-2011/

In Italia esistono già molti centri di competenza (localizzati prevalentemente al nord e qui a Roma), che creano quello che è detto Liferay Italian Partner Ecosystem.

Ma come meglio si adatta Liferay? Si può utilizzare per vari scopi:

  • piattaforma per la gestione di siti
  • sistema di gestione documentale
  • sistema per la gestione di contenuti web
  • piattaforma di produttività aziendale
  • piattaforma di sviluppo, integrazione e deploy

Inoltre, sono disponibili strumenti di social collaboration (per aumentare la produttività), che consentono ad un team di cooperare alla stesura di documenti condivisi, formare veri e proprio gruppi di progetto e condividere agevolmente documentazione e informazioni di lavoro.

Caratteristica importante è quella del supporto nativo migliorato per i dispositivi mobile, con un layout grafico che si adatta alle dimensioni dei dispositivi, tramite riconoscimento WURFL.

Altre caratteristiche avanzate di Liferay e nuove funzionalità introdutte nella versione 6, le potete leggere direttamente dalle slide del ROADSHOW. [ROADSHOW_LIFERAY_11062012 – Slides]

Continua la lettura

La legge di Metcalfe e i nostri “amici” sui social network

Leggendo un articolo pubblicato sul celebre blog di Joel Spolsky, mi sono imbattuto nella legge di Metcalfe, probabilmente valida (o possiamo dire “applicabile”) nel campo delle tecnologie delle reti informatiche, ma che potrebbe essere “obiettabile” nel contesto delle reti sociali, viste come interconnessioni di individui che si servono delle reti informatiche suddette come mezzo di comunicazione.

Ecco cosa dice la legge (definizione tratta dal Wikipedia – La legge di Metcalfe):

Definita da Robert Metcalfe, l’ideatore delle reti Ethernet, la Legge di Metcalfe afferma che “L’utilità e il valore di una rete sono pari ad n^2 – n dove n è il numero degli utenti”, trasformata in simboli:

N(N−1), oppure N²−N.

Tale legge spiega molti degli effetti delle tecnologie della comunicazioni e delle reti come Internet e il World Wide Web.

La legge di Metcalfe mette in rilievo il denominatore comune di tutte le tecnologie di comunicazione: il valore di una rete cresce esponenzialmente all’aumentare del numero dei suoi utenti.

Se nessuno utilizzasse una tecnologia, qualsiasi essa sia (dal un telefonino ad un social network come Facebook/Twitter), il suo valore intrinseco sarebbe nullo. Al contrario, più utenti la utilizzano, più il valore della tecnologia risalirebbe esponenzialmente. Ciò porta a rendere applicabile la legge di Metcalfe anche al contesto del marketing, il cui concetto è ben esplicato nell’articolo pubblicato su WebCopywriter.it (La legge di Metcalfe applicata al marketing):

Ora, se una tecnologia ha bisogno di tanti utenti per accrescere il proprio valore in maniera esponenziale allo stesso modo il marketing ha bisogno di una massa di utenti per rendere di successo le proprie campagne? Solo quando un’idea di marketing diventa così popolare da essere condivisa dalla stragrande della maggioranza del target di riferimento può diventare stratificazione culturale ed il brand può trasformarsi in lovemark? Prendiamo Apple: i suoi utenti sono talmente soddisfatti dei prodotti ed è talmente alta la reputazione di cui gode quella tecnologia ai loro occhi per cui si può parlare di una vera e propria sedimenzione culturale: il senso di quella tecnologia si confonde con l’insieme delle visioni dei suoi utenti, che diventano a tutti gli effetti i detentori del valore di quella tecnologia.

Si sta rivalutando, tuttavia, la legge poichè è alquanto ottimista: sempre su Wikipedia si legge che: “in un articolo pubblicato nel marzo 2005, due ricercatori dell’università del Minnesota, Andrew Odlyzko e Benjamin Tilly, sostengono che la legge di Metcalfe è eccessivamente ottimista. Secondo i ricercatori il difetto principale della legge di Metcalfe è che essa considera tutti i componenti di una rete di uguale importanza, quando in effetti non lo sono. I ricercatori propongono una nuova legge che regola la crescita del valore di una rete in modo logaritmico, che tiene conto di questo fattore importante. Il valore della rete e la sua crescita avviene dunque in modo meno spettacolare”.

L’obiezione che si potrebbe fare riguarda l’applicazione della legge nell’ambito delle reti sociali (da cui siamo partiti): cosa accade se in un social network il gruppo di utenti interconnessi diventa troppo grande?
Un numero troppo grande di partecipanti uccide di per sè la conversazione. L’ideale sarebbe avere un numero elevato di scambi bidirezionali. La legge di Melcalfe (dove il numero di connessioni cresce in ragione del quadrato del numero di nodi) applicata a questo contesto, evidenzia quanto l’aumentare dei partecipanti possa essere un ostacolo. Poiché il numero di potenziali scambi bidirezionali in un gruppo cresce più velocemente del gruppo stesso, l’unità viene a mancare rapidamente man mano che il sistema di ingrandisce. Bisogna fare in modo che gli utenti si attengano allo schema di “pochi ma buoni”, al fine di mantenere la coesione del gruppo.

Attenzione, parliamo di comunicazione/conversazione nell’ottica sociale del termine. E’ ovvio che se il numero di utenti a cui posso veicolare un messaggio (magari pubblicitario) è grande, migliore ne sarà la sua diffusione, ma qui ci ricolleghiamo al contesto del marketing su esposto.

In poche parole, non ha senso avere troppi “amici” su Facebook o Twitter (solo per far numero). Su tutti gli “amici” che abbiamo, ci metteremmo in contatto con meno del 10% di questi.

“Il valore di un social network è definito non solo da chi c’è dentro, ma anche da chi vi è escluso”

Questa citazione si trova in un articolo su Economist del futurologo Paul Saffo, il quale afferma che la legge di Metcalfe si applica al contrario nel contesto di Facebook (e di tutti i social network). Leggi Facebook, Defined Networks, and the Inverse of Metcalfe’s Law (by Scott Karp).
La legge di Metcalfe è valida nei vecchi sistemi di rete, come la posta elettronica o la telefonia. Le reti sociali perdono valore quando vanno oltre una certa dimensione.
Già le reti sociali definite “ASMALLWORLD”, un luogo esclusivo per pochi eletti, si stanno moltiplicando. Ciù suggerisce che il futuro del social networking non sarà un unico grande grafo sociale, ma una miriade di piccole comunità.

In sintesi, la legge di Metcalfe applicata ai social network potrebbe addirittura agire al contrario se si supera il limite (purtroppo non prevedibile) di utenti in un gruppo/comunità.