PayPal Sandbox: guida all’utilizzo del servizio

Allego al presente articolo le guide (una in italiano, un pò vecchiotta del 2007, e una in inglese, di Aprile 2012) del servizio di SandBox di PayPal, che permette agli sviluppatori di fare i test sulle proprie applicazioni di eCommerce, che concludono le transazioni di acquisto usando le PayPal API o i vari servizi messi a disposizione dal colosso di business commerce.

Per intenderci, il servizio di Sandbox è un clone della piattaforma ufficiale di PayPal, che permette di sfruttare le stesse potenzialità e features, senza concludere realmente la transazione economica. Come si legge nella guida: “il servizio SandBox di PayPal è un ambiente autonomo che consente di sviluppare prototipi e collaudare le applicazioni di PayPal. Prima di spostare qualsiasi applicazione basata su PayPal in produzione, occorre collaudare l’applicazione nell’ambiente Sandbox per assicurarsi che funzioni come previsto e che sia conforme alle linee guida e agli standard di PayPal Developer Network (PDN)“.

Le funzionalità che è possibile imparare, sviluppare o collaudare in Sandbox sono riportate di seguito:

  • Pagamenti su sito web con pulsanti ‘Paga adesso’: utilizzare il servizio Sandbox per effettuare il test di accettazione di PayPal come metodo di pagamento su un sito web.
  • Notifica immediata del pagamento (IPN)
  • Acquisti effettuati tramite carrello PayPal: utilizzare il servizio Sandbox per effettuare il test dell’acquisto di più oggetti in un’unica transazione e per eseguire un unico pagamento. Per maggiori informazioni, consultare il sito all’indirizzo https://www.paypal.com/shoppingcart.
  • Iscrizioni: utilizzare il servizio Sandbox per effettuare il test dei pagamenti ricorrenti. Per maggiori informazioni, consultare il sito all’indirizzo https://www.paypal.com/pdn-recurring.
  • Rimborsi: utilizzare il servizio Sandbox per effettuare il test del rimborso dei pagamenti da un acquirente di prova.

Continua la lettura