Un successo rinnovato per la Compagnia Teatrale “Lo Scrigno”

Non poteva che concludersi con un successo. Un successo rinnovato, visti i risultati raggiunti dalla Compagnia Teatrale “Lo Scrigno” nelle edizioni precedenti.
La tanto attesa rappresentazione teatrale della commedia napoletana “Ospedale degli Infermi Scalzi – Stanza 327” è stata interpretata alla grande dai giovani della compagnia di Quaglietta, carichi e motivati dalla presenza dell’Arcivescovo Monsignor Alfano, che in prima fila non ha voluto mancare all’appuntamento.
Commedia attualissima che spiega la triste situazione della sanità italiana, specie nel Mezzogiorno. Fatiscienza delle strutture, posti letto e materiale ospedaliero insufficiente, errori medici. Problema conosciuto col termine di “malasanità“. Si parla anche di omertà, della nostra mentalità omissiva, di cattiva amministrazione da parte dei governanti.

La storia ruota attorno alla malformazione del protagonista Pasquale Malasomma, del quale riporto una citazione esplicitiva di tutta la trama: “La verità è che buona parte di noi napoletani, ci siamo scocciati delle cose che non vanno, ma abbiamo paura di parlare. Certo che ci vorrebbero le palle per ribellarsi, e chi meglio di me ‘o potess’ fà, che ne tengo tre di palle. Ma non è facile, credetemi, anche perché si vive una sola volta, e non voglio che io o qualcuno della mia famiglia faccia l’eroe, mentre quelli là che stanno al potere continuano a divertirsi e a festeggiare. Pago le tasse e ci devono pensare loro, una volta per tutte. Evidentemente se le cose continuano ad andare così è perché conviene“.

Ancora complimenti ai ragazzi della Compagnia Teatrale “Lo Scrigno”. Un ringraziamento per l’organizzazione va alla “Proloco Aquae Electae”, al Circolo dell’Immaginario, al Comitato Feste 2010, che col patronicinio del Comune di Calabritto hanno permesso anche quest’anno questo evento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


× due = 10